LeGru_Refurbishment_ComunicazioneInterna_Mostra_BannerWeb
Il tuo Centro Commerciale

#newlegru LA MOSTRA DI DONATO SANSONE

09 agosto, 2022

IL RESTYLING DI LEGRU RACCONTATO ATTRAVERSO LE OPERE DI DONATO SANSONE

Le Gru non offre solo shopping e ristorazione, ma anche cultura, intrattenimento e servizi a sostegno del territorio: è così diventato un importante luogo di incontro e condivisione. In molte occasioni ha incontrato il mondo dell’arte. Ora, Le Gru affronta con entusiasmo un processo di restyling [QUI tutti i dettagli] e ha scelto come compagno di viaggio l’artista Donato Sansone.

#NEWLEGRU non è solo un hashtag, è anche un acronimo, le cui 8 lettere rivelano gli 8 temi che raccontano i valori che hanno ispirato e guidato il percorso di rinnovamento. Ogni lettera è l’incipit di una parola chiave, una dichiarazione d’intento che Donato Sansone ha interpretato con la sua visione artistica surreale e poetica, restituendoci ben 8 opere* che raccontano in modo emozionale e multisfaccettato il viaggio “Da Le Gru, a Le Gru”.

PERCORSO

- Temi e opere di Donato Sansone del Piano 1: Luce, Green, Nuovo, Elementi

- Temi e opere di Donato Sansone del Piano 0: Wow, Restyling, Unico, Emozione

NUOVO

NUOVO

Un nuovo modo di concepire e vivere il Centro Commerciale, gli spazi, il silenzio, la luce, il design contemporaneo, lo shopping. Un nuovo modo di far parte di un territorio, di entrare in relazione e di vivere esperienze. Il progetto, curato dagli architetti statunitensi Studio H2G specializzati in retail design, è stato studiato per rendere gli ambienti più luminosi ed eleganti: hanno guardato alla modernità prendendo spunto da riferimenti di architetti quali Norman Foster e il suo progetto per il British Museum, o la copertura del Louvre di Mario Bellini e Rudy Ricciotti. Nuovi anche i layout dei negozi in corrispondenza della nuova copertura vetrata: i fronti vetrina saranno ampliati in altezza per permettere ai brand di esprimere al meglio la propria identità e differenziarsi il più possibile l’uno dall’altro.  Tutto questo ispirandosi alla città di Torino, dove spesso i negozi hanno mantenuto il fascino senza tempo di fronti storici architettonicamente importanti.

ELEMENTI

ELEMENTI

Il processo di evoluzione di Le Gru è stato concepito ispirandosi alla natura, alle forme degli elementi che la compongono, ai suoi materiali: cielo, piante, pietra. I pilastri richiamano la forma degli alberi con lunghi rami, il pavimento sarà di una pietra italiana, il botticino e le ampie vetrate lasceranno filtrare al massimo la luce del sole, permettendo al cielo di entrare nel centro commerciale. La compresenza di tutti questi elementi renderà l’ambiente naturalmente accogliente, lasciando spazio ad esperienze realmente uniche.

WOW

WOW

Entusiasmo, divertimento, coinvolgimento, empatia. Esperienze sempre nuove e libertà di viverle in modo personale ed esclusivo. Gli spazi non sono solo funzionali, possono anche ispirare, far sognare, trasmettere gioia e serenità. Luce, materiali e design generano un forte impatto nell’esperienza del visitatore, che si trova avvolto in un ambiente moderno, che lo coinvolge in modo immersivo.

LUCE

LUCE

Piazza Nord si aprirà al cielo e alla natura. Il lucernaio esistente (di 300 mq.) sarà sostituito dalla nuova copertura vetrata di 1.000 mq, la cui struttura è ispirata ai canoni di leggerezza e trasparenza delle grandi cupole organiche in vetro e acciaio e che sarà sorretta da colonne alte e slanciate, dalla forma simile a quella degli alberi e dei rami. La piazza diventa il fulcro del nuovo Le Gru. L’idea è quella di aprirsi ai colori del cielo torinese, per renderlo partecipe, con la sua intensità, della qualità dell’esperienza di chi vive il Centro. L’ispirazione è quella delle gallerie vetrate commerciali in stile passages parigini, che hanno ispirato opere letterarie e saggi filosofici come quello di Walter Benjamin, e che proprio a Torino trovano esempi eclatanti come la Galleria Subalpina, la Galleria San Federico, la Galleria Umberto I. La nuova piazza darà un’interpretazione moderna di questi spazi, che sicuramente sono nel cuore e nell’anima di tanti torinesi.

EMOZIONE

EMOZIONE

Shopping, esperienza, emozioni. La customer experience è al centro di tutto: il visitatore non vive il Centro solo con una prospettiva commerciale, ma anche di divertimento, intrattenimento e relax.  Le Gru diventa un luogo non solo bello e accogliente, ma soprattutto identitario, riconoscibile come proprio, familiare e allo stesso tempo carico di modernità e innovazione. I clienti troveranno sedute dove connettersi e lavorare in smart working, aree dedicate all’intrattenimento dei più piccini e quiet-zone dove potersi rilassare guardando l’esterno attraverso le vetrate. Ambienti funzionali dove incontrarsi, socializzare e fare shopping in serenità.

GREEN

GREEN

Il tema dell’ecosostenibilità di materiali, sistemi e impianti è fondamentale nel restyling di Le Gru. Le Gru è uno dei pochi centri commerciali in Italia certificato ISO 14001. Il restyling sarà certificato Breeam for Refurbishment livello Excellent: un processo che, partendo dalla progettazione fino ad arrivare alla realizzazione delle opere, ha lo scopo di promuovere la sostenibilità ambientale dell’intervento ponendo fra gli obiettivi anche la riduzione delle emissioni di CO2 totali, l’acquisto di energia prodotta da fonti rinnovabili al 100%, l’ecosostenibilità sull’acquisto e l’utilizzo dei materiali e la scelta dei fornitori. Grande attenzione è posta anche al tema dei rifiuti che si produrranno durante i lavori: verranno demoliti 2.600 mq di controsoffitti, 2.300 mq di pavimentazioni, 700 mq di solai e 300 mq dell’attuale lucernaio. Questi rifiuti, in conformità al protocollo Breeam, verranno differenziati con l’obiettivo di riutilizzarne o riciclarne almeno il 75%. La nuova copertura vetrata di 1.000 mq sarà dotata di vetri ad alte prestazioni in termini di isolamento termico e trasmissione del calore, consentendo una riduzione dell’impatto energetico in fase di raffrescamento pari al 30%. È stato inoltre firmato un importante accordo con Iren: da ottobre 2022 Le Gru passerà al teleriscaldamento. Il calore prodotto da cogenerazione e da processi di economia circolare permetterà di azzerare i consumi diretti di gas metano di Le Gru (pari a circa 300.000 metri cubi all’anno) e di ridurre le emissioni totali di anidride carbonica, passando da 242 g CO2/kWh a 165 g CO2/kWh, con una ulteriore prospettiva di diminuzione nel corso degli anni.

RESTYLING

RESTYLING

I lavori di restyling restituiranno una nuova veste architettonica a Piazza Nord.Il vecchio lucernaio si trasformerà in un moderno e tecnologico skylight: una copertura vetrata che, con le sue ampie dimensioni, andrà a coprire integralmente la piazza e i negozi. Il risultato sarà un effetto wow che inonderà l’ambiente di luce. Verrà anche realizzato un miglioramento dei collegamenti verticali: la scala pedonale esistente sarà sostituita da una coppia di scale mobili. La vecchia fontana al centro della piazza, la cui immagine appartiene ad un’architettura superata, verrà demolita. Nell’ottica di alleggerire l’impatto delle strutture sui volumi e sugli spazi, alcune colonne del piano superiore verranno sostituite dai nuovi “tree pillars”, ovvero pilastri ispirati da alberi con rami, che sosterranno la vetrata. Al primo piano i fronti vetrina si alzeranno dagli attuali 3.4 arrivando fino a 6 metri. Verranno integralmente cambiati controsoffitti, pavimenti, impianti di climatizzazione e aerazione.

UNICO

UNICO

Un insieme di trasformazioni e innovazioni che faranno evolvere l’unicità di Le Gru, per continuare a renderlo “non solo” un Centro Commerciale, ma un luogo da vivere e da “partecipare”. Il viaggio da Le Gru a Le Gru passa attraverso un grande cambiamento strutturale, architettonico, di materiali e di design, ma lascia inalterato ed anzi amplia il DNA più vero del Centro: cultura, ospitalità, intrattenimento, inclusione e creatività.

DONATO SANSONE

DONATO SANSONE

“Uno degli autori più visionari, innovativi e inquietanti del panorama italiano” Artribune.

“Animatore folgorante che contribuisce a fare saltare le frontiere della produzione e della diffusione dell’animazione” Marcel Jean.

Dopo il diploma dell’Accademia di Belle arti di Napoli, Sansone ha frequentato il Centro Sperimentale di Cinematografia Dipartimento Animazione di Torino, specializzandosi in animazione sperimentale e compositing di tecniche d’animazione e live action. Tra i suoi lavori ci sono spot, videoclip e cortometraggi. Quest’ultimi sono stati selezionati nei migliori festival del mondo, come Annecy Animation Film Festival, Anima Mundi Festival Brasil, Hiroshima Animation. Riconoscimenti: nel 2011 tra i 50 cortometraggi brevi che hanno cambiato la storia dell’animazione da The Cinemateque Quebecoise, nel 2014 tra i 20 video dell’anno al Cannes International Festival of Creativity; nel 2016 tra i finalisti del premio Cèsar (anche nel 2020) e nella lista dei 70 cortometraggi in corsa per gli Oscar. Sansone ha realizzato progetti speciali per Matera Capitale della Cultura 2019, per i 20 anni del Museo del Cinema di Torino e ha lavorato agli effetti speciali della serie “Anna” di Niccolò Ammaniti. I suoi cortometraggi sono prodotti e distribuiti dalla compagnia francese Autour de Minuit e collabora con musicisti come Afterhours, Subsonica, Verdena, Francesco de Gregori, Spaccamonti.

NON PERDERTI ANCHE...

  • C’è chi lo definisce un villaggio, chi una città, chi una nave da crociera e chi ancora un condominio: Le Gru è come un mondo fatto di persone, luoghi e storie, che noi raccontiamo attraverso diverse rubriche a puntate. Ogni settimana vi presentiamo un nuovo Store Talking, un Store Telling ed alcune rubriche tenute da influencer ed esperti in vari campi. Non perdetevi i consigli, gli aneddoti, l’epopea di Le Gru e dei suoi negozi raccontata dai suoi protagonisti e dai nostri ospiti!