soria

Store Talking: Sara, responsabile marketing Le Gru

STORE TALKING . Le storie. Le persone. Le Gru .

Diamo voce proprio a chi nel mall trascorre le sue giornate e con entusiasmo trasforma un semplice luogo di lavoro in un mondo ricco di opportunità e prospettive. Infatti i veri protagonisti dell’atmosfera di Le Gru sono loro, le 1500 persone che ogni giorno popolano il Centro per lavorare nei negozi, nei servizi e negli uffici e che raccontano le proprie storie personali: amicizie, amori, impegni, passioni e sogni.

Oggi vi raccontiamo la storia di Sara Soria, responsabile marketing Le Gru

Parole, parole, parole… Da sempre il mondo di Sara Soria, dal 2008 responsabile marketing di Le Gru, sono le parole. Quelle imparate nei pomeriggi di elementari e medie quando raggiungeva il papà giornalista nella redazione de La Stampa, o lo accompagnava ai festival letterari cui partecipava come apprezzato autore di romanzi gialli; le parole del nonno di 105 anni che con un manuale tecnico sugli ingranaggi, tradotto in tutte le lingue del mondo, è stato il primo autore di famiglia. Chissà che anche lei non abbia un romanzo nel cassetto! Per ora, mamma di un bimbo di sette anni cui insegna la passione per la lettura, Sara mette entusiasmo, tenacia e soprattutto tantissime idee per far conoscere sempre di più Le Gru non solo come luogo di shopping, ma come innovativo volano per la diffusione di temi culturali, sociali e di intrattenimento, così come contemporaneo luogo di incontro fra le persone. Da sempre sono proprio le parole a tracciare il suo percorso lavorativo, durante il quale ha avuto la grande fortuna di impegnarsi in progetti che incontravano con le sue passioni: nel mondo del turismo, che l’ha portata a viaggiare tantissimo, in quello del cinema e nell’organizzazione di eventi sportivi e culturali. Sara parla diverse lingue ed è laureata in letteratura e cinema americano: ha un immaginario tutto statunitense, ricco dei racconti e delle visioni di James Ellroy e dei registi Oliver Stone e Quentin Tarantino, con colonna sonora di Eddie Vedder e dei Pearl Jam. Sulle tracce del grunge, a diciassette anni, aveva “costretto” i suoi genitori a portarla a visitare Seattle!

GUARDA L’INTERVISTA:  

QUI trovi gli altri Store Talking